Ritorna all'inizio

Tecnologie per hotel e strutture ricettive


Nessun commento

Le tecnologie per hotel e strutture ricettive troppo spesso sono in fondo alla lista delle cose da fare per migliorare la propria attività nel settore dell’hospitality. Al contrario hai mai pensato che proprio le innovazioni tech possono risolvere i problemi che più ti assillano?

Nell’articolo ti suggeriamo 3 soluzioni per migliorare la gestione alberghiera, la customer experience degli ospiti, l’immagine del tuo hotel, b&b, affittacamere o qualsiasi altra tipologia di alloggio. E sfatiamo un mito: le tecnologie per hotel non sono sempre costose e difficili da usare. Continua a leggere.

3 Tecnologie per hotel e strutture ricettive

Non siamo qui per suggerirti un gestionale per hotel o per parlarti del wi-fi. Questo ormai è dato per scontato da tutti i clienti. Oggi il tuo ospite pretende una connessione Internet veloce e sicura. Questo perché i viaggiatori, sia business che leisure, durante il soggiorno usano lo smartphone per fare operazioni che richiedono l’inserimento dei dati personali e della carta di credito. Ad esempio il check-in del volo, l’acquisto di biglietti, la prenotazione di esperienze di viaggio e servizi extra-alberghieri. Per cui ti suggeriamo di adeguare subito la tua rete wi-fi se troppo lenta o pericolosa.

1. Chatbot: cosa sono, vantaggi e costi

chatbot per strutture ricettive

Le strutture ricettive possono usare i chatbot per assistere i clienti h24

Se ti stai chiedendo cosa sono i chatbot, sappi che probabilmente già li usi senza saperlo. In termini tecnici, sono software che rispondono alle domande scritte o vocali degli utenti, simulando una conversazione tra umani. Il più famoso è Siri per i dispositivi Apple. Ma sono chatbot anche quelli con cui interagisci ad esempio sui Facebook Messenger, Whatsapp, Skype delle aziende che li usano per fare marketing.

I vantaggi dei chatbot sono:
  • assistenza immediata al cliente h24
  • risposte in più lingue
  • riduzione dei costi di assistenza

I contro dipendono dal loro livello di efficienza. Infatti così come migliorano l’immagine del tuo hotel, possono danneggiarla. Se mal progettati, i chatbot frustano l’utente che non riesce ad avere le risposte che cerca. Per cui ti suggeriamo di far fare al chatbot poche cose ma bene. Specifica fin dal messaggio di benvenuto come può aiutare il cliente e rimandalo al canale telefonico o alla mail per le altre necessità.

Provane uno subito. Vai sulla pagina facebook dell’Ameron Hotel di Amburgo. Clicca su tasto grigio a destra “Send message”. In pochi secondi un robot ti risponderà così:

Hello Paola, I’m here to provide you with information about AMERON Hotel Speicherstadt Hamburg ⚓️Do you already have a reservation at our hotel?

Come usare i chatbot se hai una struttura ricettiva

Divertente? A parte il giochino, devi capire come usare i chatbot al meglio per il tuo albergo o b&b. Secondo questa ricerca sui bot di MyCleverAgency, agenzia di Londra specializzata in contenuti digitali, gli utenti usano i chatbot per fare domande che richiedono risposte veloci. Per questo tipo di richieste, i clienti li preferiscono al telefono, alle mail, ai form. E sono secondi solo al face-to-face. Sono usati dai giovanissimi tanto quanto dagli over 55.

Cosa può fare un chatbot? Innanzitutto fornire informazioni, ad esempio l’elenco delle camere disponibili del tuo hotel in un dato periodo, il menù del ristorante, gli orari dei servizi offerti. Può guidare il cliente passo passo verso la prenotazione. Può inviare notifiche push all’utente direttamente sullo smartphone con il riepilogo del booking. Tramite i chatbot puoi anche vendere prodotti e servizi.

Ricorda però che una conversazione con un chatbot non sarà mai uguale a quella con un consulente in carne e ossa. Per cui continua a preferire i canali tradizionali per l’assistenza che richiede empatia ed elevata capacità di problem solving. Ma prediligi i chatbot per comunicazioni standardizzate, ricerche, risposte rapide, info.

Il prezzo di un chatbot dipende dalla sua complessità. Puoi fornire un buon servizio anche a costo zero o con un investimento minimo, senza essere un programmatore. Per iniziare hai bisogno di una piattaforma su cui creare i messaggi. In seguito, la collegherai a Facebook, Whatsapp, Telegram, etc. La versione base di Chatfuel, una delle più diffuse chatbot-building platform, è gratuita. Se vuoi ulteriori funzionalità, il costo è di 30$ al mese. Leggi questo articolo su come creare un Facebook chatbot per sfruttare da subito questa tecnologia per il tuo hotel o la tua struttura ricettiva.

2. Robot in hotel

Robot Pepper per strutture ricettive

I robot Pepper verranno usati in reception

Spesso ci rendiamo conto delle rivoluzioni tecnologiche quando sono già esplose e non possiamo che subirne gli effetti positivi o negativi. Ti sei mai chiesto quand’è che lo smartphone è diventato uno strumento di cui non puoi più fare a meno? La rivoluzione mobile nel turismo è una delle più importanti degli ultimi decenni.

Per cui non pensare che intelligenza artificiale e robot in hotel siano uno scenario da film di fantascienza. Proprio recentemente il Parc Hotel del Garda ha inserito una nuova risorsa nel team della reception: il robot Pepper.

I Pepper sono social robot che comprendono e reagiscono alle emozioni, riconoscono le voci, si muovono autonomamente. Sono capaci di simulare una conversazione con un umano in modo naturale e intuitivo. Sempre connessi a internet, forniscono molte informazioni, dal meteo alle news, in più lingue. Sono stati sviluppati dalla giapponese SoftBank Robotics ma il progetto su Pepper nel settore hospitality è italiano, curato dal Ciset dell’Università Ca’ Foscari di Venezia in collaborazione con la web agency Promoservice e con l’azienda Bellatrix che gestisce il Parc Hotel.

I vantaggi dei robot Pepper per gli hotel e le strutture ricettive sono:

  • capacità di attrarre i clienti più giovani
  • elevata abilità nel fornire informazioni aggiornate e su attività e servizi in più lingue
  • possibilità di liberare i dipendenti da alcune mansioni
  • il team della reception può concentrarsi sulla clientela

Attualmente questo tipo di tecnologie per hotel è in fase di sviluppo o ha costi decisamente elevati. Tuttavia non archiviare la notizia come se non ti riguardasse, per poi scoprire che la tua è la sola struttura ricettiva a non avere un robot nello staff!

3. App mobile di digital concierge

Edgar Smart Concierge

Le app di digital concierge sono tecnologie per smartphone

Le app mobile di digital concierge sono la versione per smartphone del concierge in completo e cravatta che forniva informazioni ai clienti nella hall degli alberghi. Anche i chatbot e i robot Pepper sono dei concierge, ma con caratteristiche, funzioni e costi differenti.

Secondo questo studio di Zebra sul settore dell’hospitality circa il 65% dei clienti ha una migliore esperienza di soggiorno se associata alle ultime tecnologie, desidera automatizzare alcune fasi del viaggio come il check-in, e apprezza ricevere offerte e messaggi personalizzati dalla struttura. Le app dei Digital Concierge hanno 5 principali vantaggi, che rispondono proprio al nuovo modo di viaggiare del turista digitale.

1. Sono tecnologie per smartphone, ovvero lo strumento sempre più usato dai viaggiatori per organizzare e gestire la vacanza. Infatti la maggior parte dei clienti ha un telefono e sa scaricare un’app. Non tutti invece sono iscritti a Facebook.

2. Proprio perché immediatamente disponibili sul telefono, le app di digital concierge accompagnano il cliente durante il soggiorno anche quando non è all’interno della struttura. In questo modo chi gestisce un albergo può rispondere alle esigenze dell’ospite non solo dalla reception, come Pepper. È il caso di un cliente in viaggio d’affari che ha bisogno di prenotare un transfer per l’aeroporto mentre è impegnato in una conferenza.

3. Permettono a chi gestisce l’alloggio di contattare il cliente in qualsiasi momento una volta completata la prenotazione. In questo modo è possibile fare up-selling offrendo servizi esterni utili all’ospite per pianificare il viaggio prima dell’arrivo e ridurre il rischio di disdette. Leggi i nostri suggerimenti su come diminuire le cancellazioni dirette.

4. Si integrano con gli altri software per hotel e strutture ricettive, come gestionali e PMS.

5. A seconda della tecnologia impiegata, non hanno prezzi elevati. Se l’app è appositamente sviluppata per una struttura ricettiva, sarà molto costosa. Ma sul mercato ci sono soluzioni 100% personalizzabili che rendono queste tecnologie per hotel e strutture ricettive abbastanza economiche.

Come funziona una app di digital concierge

Per farti capire meglio cosa sono queste app, ti spieghiamo come funziona Edgar Smart Concierge, l’app per hotel e strutture ricettive sviluppata dal nostro team tech. Edgar è l’app personale di una struttura ricettiva utile sia al cliente che a chi gestisce l’attività. Permette alle strutture di assistere l’ospite al meglio, migliorare la gestione dei fornitori, risparmiare tempo e  guadagnare tramite l’up-selling di servizi interni ed esterni.

Edgar Smart Concierge ha un costo mensile proporzionale al numero di posti letto/camere. La struttura ricettiva personalizza Edgar con tutte le informazioni utili, i servizi interni disponibili, quelli forniti dei provider esterni. Ma se lo desidera o non ha partner, può sfruttare quelli di Edgar. L’ospite avrà sul telefono una app con una mappa digitale con decine di punti di interesse presenti in zona, una chat diretta con l’host, il fast check-in, un e-commerce in app dove acquistare i servizi interni, esterni e le esperienze di viaggio.

Qua puoi trovare altre informazioni su come funziona Edgar Smart Concierge. Se invece vuoi iniziare subito a innovare la tua attività con una di queste tecnologie per hotel e strutture ricettive, richiedi una demo gratuita di Edgar Smart Concierge.

 

PROVA EDGAR GRATUITAMENTE

Articoli correlati