Ritorna all'inizio

Come promuove il tuo b&b con il content marketing turistico


Nessun commento

Gestisci un bed & breakfast, una struttura extralberghiera o un hotel? È un’ottima cosa che ti interessi di content marketing turistico.

Perché fare content marketing turistico aiuterà il tuo b&b o la tua attività ricettiva in almeno tre situazioni:

  1. entrare in contatto con quei viaggiatori che altrimenti non scoprirebbero mai il tuo b&b;
  2. aumentare la visibilità dei servizi e degli strumenti che ti sei impegnato a offrire ai clienti con tanta fatica, come fanno gli alloggi che utilizzano il nostro Edgar promuovendo l’uso della loro app di digital concierge per strutture ricettive su social e sito;
  3. coinvolgere i clienti nuovi e quelli già fidelizzati.

Sappiamo che produrre contenuti accattivanti da postare richiede tempo e lavoro. Ma cosa penseresti se ti dicessimo che ci sono delle scorciatoie per pubblicare materiale di qualità senza faticare troppo?

Nell’articolo spieghiamo cosa serve per iniziare a rinnovare il piano di marketing per il tuo b&b. Ma soprattutto ti sveliamo 4 modi per fare content marketing turistico senza stress.

Content marketing turistico: 4 strumenti per iniziare

Prima di scrivere il tuo prossimo post su Facebook o un nuovo articolo per il blog, inizia a familiarizzare con alcuni degli strumenti più utilizzati dai professionisti del content marketing online:

  • cerca di capire quali sono gli interessi dei tuoi ospiti. Puoi semplicemente provare a metterti nei loro panni oppure inviare un questionario di gradimento dopo il check-out, non solo per avere un feedback sul soggiorno ma anche per raccogliere qualche informazione in più;
  • crea un elenco di siti e blog che pubblicano notizie rilevanti per il tuo target di clienti. Per evitare di dover visitare ogni giorno i singoli siti a uno a uno, utilizza un’app di content curation, come Feedly. In questo modo in pochi minuti scrollerai l’elenco delle ultime notizie pubblicate, usando una sola applicazione dallo smartphone, mentre sei in fila al bancomat o al supermercato;
  • scegli il tono di voce giusto per rivolgerti al tuo target. Se desideri intercettare una clientela giovane, usa uno stile fresco e diretto. Per le famiglie, confeziona una comunicazione rassicurante. Rivolgiti in modo più formale ai clienti business;
  • usa un piano editoriale per calendarizzare i tuoi contenuti. Ovvero decidi quante volte a settimana/mese postare sulla tua pagina Facebook, il profilo Instagram o sul blog. Per selezionare orari e giorni migliori, consulta gli insight e Google Analitycs.

Come fare content marketing turistico senza fatica

Ora che sai quali sono le risorse indispensabili per pianificare la tua content marketing strategy e promuovere il tuo bed & breakfast in modo efficace, sei pronto a scoprire i trucchi per produrre una comunicazione di qualità senza fatica.

1. Sfrutta gli UGC

Edgar Smart Concierge

Usa gli UGC per fare content marketing turistico senza fatica

La definizione di User Generated Content (UGC) è

qualsiasi tipo di contenuto generato dagli utenti, come un blog post, una storia su Instagram, un video di YouTube o una recensione online.

Nel caso del settore travel & hospitality, può trattarsi della foto della colazione offerta nel tuo b&b, pubblicata da un ospite sul suo profilo Facebook.

Sai che questo genere di contenuti è considerato più affidabile? Secondo uno studio di Olapic sugli UGC, il 70% degli intervistati negli Stati Uniti e il 53% di quelli europei è più orientato all’acquisto di un determinato prodotto dopo averne visto un’immagine positiva online postata da un altro cliente.

Questo vale anche per servizi come le camere di un b&b, un appartamento Airbnb o la piscina di un hotel.

Ma se vuoi sfruttare questa strategia, devi seguire alcune regole per usare gli UGC. La prima cosa da fare è aprire i canali su cui raccogliere gli UGC. Tempo fa ci è capitato il caso di un piccolo b&b che aveva inserito l’hashtag della struttura nei suoi bigliettini cartacei senza però avere un profilo Instagram, attualmente l’unico canale social su cui ha veramente senso usare il #.

Leggi anche la nostra guida all’uso di Instagram per b&b e strutture ricettive.

Gli user generated content devono essere spontanei per non perdere credibilità. Tuttavia, è preferibile suggerire ai tuoi clienti quali hashtag e tag usare e incentivarli a postare e a scrivere le tanto temute recensioni online. È semplice spingere i tuoi clienti a lasciare una review se usi Edgar Smart Congierge. Perché con Edgar puoi inviare una mail automatica ai tuoi clienti con il link a Facebook o TripAdvisor. Certo del buon soggiorno fornito, non potrai che ottenere un’ottima recensione, perfetta da incorniciare in una bella immagine da rilanciare su IG e FB.

Prima di condividere un UGC, fare un repost di un’immagine del cliente, se la foto non è pubblica ricordati di avvisare gli ospiti o chiedere il permesso.

2. Rilancia news ed eventi

Ricordi che all’inizio ti abbiamo suggerito di usare Feedly per consultare velocemente le notizie interessanti per i tuoi potenziali clienti?

Se l’hai fatto, ora saprai se qualche altro sito web, giornale online, blog ha pubblicato una notizia su un evento in programma nella tua zona. Oppure una news utile, come una promozione sui voli, i traghetti, i treni per raggiungere la tua destinazione. Non devi far altro che condividere la notizia, meglio se personalizzando il post con un breve commento.

Non solo fornirai un servizio utile ai clienti fedeli che già ti seguono sui social, ma farai anche rete con altri profili, pagine e operatori turistici attivi sul tuo territorio, che potrebbero ricambiare il favore ricondividendo i tuoi aggiornamenti.

Inoltre, potrai riempire più facilmente il piano editoriale, intervallando i tuoi contenuti con queste condivisioni di articoli e blog prodotti da altri.

3. Crea i tuoi contenuti

Scrivere contenuti originali è più faticoso, ma se parti (senza copiare!) dalle notizie pubblicati da altri blog o siti è più semplice. Quando possibile, cita e linka le fonti per dare più autorevolezza alla notizia. E metti sempre in evidenza gli aspetti che più interessano il tuo target di clienti, come gli eventi per bambini se i tuoi ospiti-tipo sono le famiglie.

Soprattutto, creare nuovi contenuti è fondamentale per la SEO per strutture ricettive. Perché quando i viaggiatori iniziano a pianificare i loro viaggiano, prima scelgono la destinazione, poi cercano la struttura ricettiva.

Per cui, se fai storytelling sul territorio e compari tra i risultati delle ricerche online, intercetterai i viaggiatori in cerca di notizie sulla località in cui ti trovi.

4. Usa newsletter e digital concierge

Non sprecare il lavoro fatto! Una volta che i tuoi contenuti saranno pronti, dovrai farli girare il più possibile. I post su Facebook e Instagram vanno benissimo, ma senza le sponsorizzate la loro visibilità è limitata. Piuttosto sfrutta le newsletter, ancora oggi tra gli strumenti di content marketing più efficaci.

Non è necessario che l’invio sia settimanale. Puoi optare per una newsletter mensile oppure ogni quindici giorni. Fondamentale è che contenga contenuti utili, come le promozioni e i tuoi articoli sul territorio. Per semplicità, puoi anche linkare una notizia esterna, l’importante è che sia interessante e non rimandi al sito della concorrenza.

L’ultimo trend per fare content marketing turistico in modo efficace sono le app di digital concierge. Un digital concierge per smartphone, come Edgar, fa tante cose. Alcune non direttamente collegate al content marketing turistico. Ad esempio, con Edgar automatizzi il check-in, invii push notification con le info più urgenti, smetti di spendere soldi in brochure perché metti a disposizione dei tuoi ospiti uno strumento molto più efficace per scoprire il territorio, ovvero la mappa geolocalizzata presente nell’app di Edgar.

Ma Edgar Smart Concierge ti aiuta anche a fare content marketing nel turismo. Perché nella vetrina dell’app i tuoi clienti vedranno le esperienze più belle da fare in zona. Puoi inserire le attività che offri tu, i tour organizzati dai tuoi partner sul territorio oppure sfruttare le centinaia di attività già presenti nell’app.

Il vantaggio più grande di fare content marketing con Edgar è che in più puoi aumentare i profitti con l’up-selling, perché i clienti possono acquistare le esperienze direttamente sull’app facendoti guadagnare una commissione.

 

PROVA EDGAR GRATIS PER 30 GIORNI

Articoli correlati